Comune di Castelforte
 

Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.
Frazione di Suio - Scavi archeologici del castello

 

Servizi della struttura



Sei in: Home » il comune » AREA Amministrativa Contabile » Apertura attività ricettiva extra alberghiera
Sei in: Home » il comune » AREA Amministrativa Contabile » Apertura attività ricettiva extra alberghiera

Il Comune

AREA Amministrativa Contabile

Apertura attività ricettiva extra alberghiera

Cos'è

  • Per attività ricettiva si intende l’attività attrezzata per accogliere ospiti, visitatori e turisti. L’attività ricettiva si divide in due categorie:
    - attività ricettiva alberghiera
    - attività ricettiva extra alberghiera

Cos'è utile sapere

  • Fanno parte delle attività ricettive extra alberghiere le seguenti categorie:

    Affittacamere - strutture ricettive composte da non più di sei camere, ubicate in non più di due appartamenti ammobiliati di uno stesso stabile, collegati funzionalmente tra loro, nelle quali sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari.

    Ostelli per la gioventù - strutture ricettive attrezzate per il soggiorno ed il pernottamento, per periodi limitati, di giovani e di eventuali accompagnatori di gruppi di giovani. Il soggiorno e il pernottamento non può essere superiore a sessanta giorni.

    Case e appartamenti per vacanze - immobili arredati per l'affitto ai turisti, esclusa la somministrazione di alimenti e bevande, nonché, di offerta di servizi centralizzati, nel corso di una o più stagioni, con contratti aventi validità non inferiore a tre giorni e non superiore ai tre mesi consecutivi.
    Le gestioni di case ed appartamenti per vacanze si distinguono nelle seguenti tipologie
    - in forma non imprenditoriale, per la gestione occasionale di una o due case o appartamenti per vacanze
    - in forma imprenditoriale, per la gestione non occasionale ed organizzata di tre o più case o appartamenti per vacanze.

    Case per ferie - strutture ricettive attrezzate per il soggiorno a fini turistici di persone singole o di gruppi gestite al di fuori dei normali canali commerciali e promozionali, da enti pubblici, associazioni o enti religiosi operanti senza scopo di lucro per il conseguimento di finalità sociali, culturali, assistenziali, religiose, o sportive, enti o aziende per il soggiorno dei propri dipendenti e loro familiarie.

    Alloggio e prima colazione o "bed and breakfast", il servizio offerto da parte di coloro che nell'abitazione hanno residenza e domicilio e mettono a disposizione degli alloggiati delle camere con relativi posti letto.
    Tale servizio, svolto con carattere saltuario o per periodi ricorrenti stagionali, con un periodo di inattività pari almeno a sessanta giorni l'anno anche non consecutivi, ridotti a trenta giorni l'anno in Comuni sprovvisti di altre strutture ricettive, in un massimo di tre camere con non più di sei posti letto, comprende la prima colazione ed è assicurato avvalendosi della normale organizzazione familiare.
    In ogni caso il soggiorno e il pernottamento non può essere superiore a novanta giorni

    Alberghi diffusi - strutture ricettive che ubicate in centro storico con meno di tremila abitanti o in una area urbana omogenea individuata dal comune, forniscono agli utenti, alloggio, eventualmente vitto ed altri servizi accessori, in unità alloggiative dislocate in più stabili collocati entro una distanza massima di trecento metri, con servizi unitari e centralizzati di reception, ristorazione ed eventuali altri servizi complementari, con almeno due spazi di uso comune.
    Il servizio di ristorazione è esercitabile anche attraverso convenzione con esercizi preesistenti.
    Tali strutture sono composte da non meno di sette appartamenti con un minimo di quindici posti letto.

    Rifugi montani - strutture ricettive idonee ad offrire ospitalità e ristoro ad alpinisti in zone isolate di montagna ubicate in luoghi favorevoli ad ascensioni ed escursioni, raggiungibili esclusivamente attraverso mulattiere, sentieri, strade forestali, strade percorribili da mezzi di trasporto ordinari, anche in prossimità di centri abitati

    Normative di riferimento

    Normativa nazionale· D.P.C.M. del 13 settembre 2002, Recepimento dell’accordo fra lo Stato, le Regioni e le Provinceautonome sui principi per l’armonizzazione, la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico
    L. 20 marzo 2001, n. 135, Riforma della legislazione nazionale del turismo
    DM. Interno del 16 febbraio 1982, Modificazioni del decreto ministeriale 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi
    D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616, Attuazione della delega di cui all’art. 1 della L. 22 luglio 1975 n. 382
    D.L. n. 112 del 25 giugno 2008 - Normativa regionale
    Regolamento regionale 24 ottobre 2008 n. 16 , Disciplina delle Strutture Ricettive Extra Alberghiere. DPR n. 160/2010

Requisiti

  • Gli affittacamere devono possedere tutti i seguenti requisiti minimi funzionali e strutturali:                                                                                                                                                                          - locali in possesso dei requisiti previsti per la civile abitazione dalla normativa vigente in materia edilizia ed igienico-sanitaria, con una superficie minima delle camere di almeno 8 e 14 metri quadrati per le camere autorizzate, rispettivamente, per uno o due posti letto, incrementata di almeno 6 metri quadrati per ogni ulteriore posto letto.
    - superficie minima dei bagni ad uso esclusivo di una camera, di almeno 3 metri quadrati ciascuno, con dotazione minima per ciascun bagno costituita da un lavabo, una vasca o una doccia, un bidet, uno specchio ed un wc con cassetta.
    - per le camere senza bagno ad uso esclusivo, installazione di dotazioni igienico sanitarie comuni, nella misura di almeno un bagno ogni sei posti letto o frazione di dimensioni non inferiori a 3 metri quadrati.
    - dotazione minima delle camere costituita da un tavolino, un armadio, uno specchio e, per ogni alloggiato, un letto, una sedia o poltrona o una seduta-divano e un comodino, o equivalente, con abatjour.
    - una o più sale destinate alla somministrazione e al consumo di alimenti e bevande per una superficie complessiva di almeno 16 metri quadrati, ove tale servizio sia fornito.
    - fornitura costante di energia elettrica, di acqua calda e fredda, nonché, qualora l'apertura comprenda i periodi dal 1 ottobre al 30 aprile, del servizio diriscaldamento-  servizio di ricevimento assicurato almeno 8 ore su 24.
    - pulizia giornaliera della camera, dei bagni, delle stanze e dei locali ad uso comune
    - cambio della biancheria da camera e da bagno ad ogni cambio del cliente.
    - presenza di una cassetta contenente materiale di primo soccorso e di un estintore per ogni appartamento
    - punto telefonico ad uso comune sole per chiamate d'emergenza.

    Gli ostelli per la gioventù devono possedere tutti i seguenti requisiti minimi funzionali e strutturali:
    - superficie minima delle camere di 8 e 14 metri quadrati per le camere autorizzate rispettivamente per uno o due posti letto, incrementata di almeno di 6 metri quadrati per ogni ulteriore posto letto.
    Un ulteriore incremento del rapporto superficie-camera per un posto letto a castello, di almeno 1 metro quadrato o almeno 3 metri cubi.
    - superficie minima dei bagni privati di almeno 3 metri quadrati con dotazione minima costituita da un lavabo, una vasca o una doccia, un bidet, uno specchio ed un wc.
    - per le camere senza bagno ad uso esclusivo, installazione di dotazioni igienico-sanitarie comuni nella misura di almeno un lavabo ogni cinque posti letto o frazione nonché un vano wc e un vano doccia ogni otto posti letto o frazione, con un minimo di un servizio igienico completo per ogni piano.
    - dotazione minima delle camere costituita da un tavolino, un armadio o cabina-armadio con spazi riservati a ciascun ospite, uno specchio e, per ogni alloggiato, un letto, una sedia o uno sgabello e un comodino o equivalente, con abatjour.
    - una o più sale comuni per una superficie complessiva di almeno 0,8 metri quadrati per posto letto, incrementata di almeno 1 metro quadrato per posto letto, qualora le sale comuni coincidono con le sale destinate alla somministrazione al consumo dei pasti di alimenti e bevande e comunque non inferiore a 20 metriquadrati.
    - servizio di ricevimento assicurato almeno 16 ore su 24.
    - servizio di pulizia della camera una volta al giorno.
    - fornitura costante di energia elettrica, di acqua calda e fredda, nonché, qualora l'apertura comprenda i periodi dal 1 ottobre al 30 aprile, del servizio di riscaldamento.
    - cambio della biancheria ad ogni cambio del cliente o servizio di fornitura della biancheria da camera e da bagno su richiesta, ove il servizio non sia fornito di base
    - servizio di deposito bagagli o armadietti forniti di serratura per un numero non inferiore al 50% dei posti letto, nel caso il pernottamento sia fornito in camerate.
    - presenza di almeno un apparecchio telefonico ad uso comune solo per chiamate d'emergenza.
    - presenza di una cassetta contenente materiale di primo soccorso- eventuali locali adibiti a punto di ristoro
    - idonee soluzioni funzionali per ospitalità delle persone diversamente abili.

    Case e appartamenti per vacanze devono possedere tutti i seguenti requisiti minimi funzionali e strutturali:
    - fornitura di arredo, utensili, materiale per la pulizia dell'appartamento e ogni altra dotazione necessaria per la preparazione e la consumazione dei pasti.
    - fornitura costante di energia elettrica, acqua calda e fredda, nonché, qualora la locazione comprenda i periodi dal 1 ottobre al 30 aprile, del servizio di riscaldamento
    - camere dotate di porta e finestra, arredate con un tavolino, un armadio, uno specchio e, per ogni alloggiato, un letto, una sedia o uno sgabello e un comodino o equivalente, con abatjour.
    - cambio delle lenzuola e della biancheria da bagno almeno due volte alla settimana e comunque ad ogni cambio dell'ospite, solo nelle case e negli appartamenti per vacanze a scopo imprenditoriale; per le case e gli appartamenti per vacanze a scopo non imprenditoriale è sufficiente la fornitura delle lenzuola e della biancheria.

    In caso di gestione in forma imprenditoriale deve essere assicurato:
    - servizio di ricevimento e recapito ubicati anche in comuni limitrofi a quello dove hanno sede gli immobili
    - assistenza all'ospite per interventi urgenti di manutenzione ordinaria delle case e degli appartamenti
    - presenza di cassetta di primo soccorso ed estintore
    - punto telefonico ad uso comune solo per chiamate d'emergenza.

    Case per ferie devono possedere i seguenti requisiti minimi funzionali e strutturali:
    - superficie minima delle camere di 8 e 14 metri quadrati per le camere autorizzate, rispettivamente, per uno o due posti letto, incrementata di almeno 6 metri quadrati per ogni ulteriore posto letto, fino ad un massimo di quattro posti letto a camera
    - camere dotate di porta e finestra, arredate con un tavolino, un armadio, uno specchio, un cestino portarifiuti, una lampada o applique da tavolo e, per ogni alloggiato, un letto, una sedia o uno sgabello e un comodino o equivalente, con abatjour.
    - per le camere senza bagno ad uso esclusivo, installazione di dotazioni igienico-sanitarie comuni nella misura di almeno un lavabo e uno specchio ogni sei posti letto o frazione, nonché un vano wc e un vano doccia ogni sei posti letto o frazione, con un minimo di un servizio ogni piano.
    - una o più sale comuni, distinte dall'eventuale locale adibito a cucina, per una superficie complessiva di almeno 20 metri quadrati per i primi 10 posti letto e di 0,5 metri quadrati per ognuno degli ulteriori posti letto.
    - fornitura costante di energia elettrica, acqua calda e fredda, nonché, qualora l'apertura comprenda i periodi dal 1 ottobre al 30 aprile, del servizio di riscaldamento - cambio della biancheria settimanale e comunque ad ogni cambio del cliente o servizio di fornitura della biancheria da camera e da bagno su richiesta, ove il servizio non sia fornito di base.
    - pulizia giornaliera dei locali.
    - almeno un apparecchio telefonico ad uso comune solo per chiamate d'emergenza, nonché, una cassetta contenente materiale di primo soccorso 5.

    Strutture per l'esercizio del servizio di alloggio e prima colazione o bed and breakfast devono possedere i seguenti requisiti minimi funzionali e strutturali:
    - fornitura di energia elettrica, acqua calda e fredda e riscaldamento
    - capacità ricettiva della camera non superiore ai limiti previsti
    - camere dotate di porta e finestra, arredate con un tavolino, un armadio, uno specchio, un cestino portarifiuti, una lampada o applique da tavolo e, per ogni alloggiato, un letto, una sedia o uno sgabello e un comodino o equivalente, con abatjour.
    - somministrazione della prima colazione, consistente in cibi e bevande senza manipolazione da parte del gestore, in orario stabilito con la famiglia
    - riordino e pulizia quotidiana dei locali
    - cambio delle lenzuola e della biancheria da bagno almeno due volte alla settimana e comunque ad ogni cambio dell'ospite
    - presenza di una cassetta contenente materiale di primo soccorso e di un estintore
    - un punto telefonico ad uso comune solo per chiamate d'emergenza
    - un vano accessorio, individuabile anche nel vano cucina, da destinare all'uso comune degli ospiti 6.

    Alberghi diffusi devono possedere i seguenti requisiti minimi funzionali e strutturali:
    - numero di unità alloggiative adibite al soggiorno e pernottamento degli ospiti, non inferiore a sette
    - locale bagno in ogni unità alloggiativa
    - locale ad uso comune
    - locale per il ricevimento, il commiato e lo svolgimento delle formalità degli ospiti
    - locale destinato alla ristorazione oppure un punto di ristoro convenzionato
    - impianto elettrico conforme alla normativa vigente in materia
    - idonee soluzioni funzionali per ospitalità delle persone diversamente abili
    - possesso dei requisiti obbligatori previsti per la classificazione degli alberghi a due stelle, salvo i casi di possesso di requisiti di classificazione superiore
    - accesso alle unità alloggiative direttamente da spazi pubblici, spazi comuni, o disimpegni e/o corridoi condominiali, mediante porta munita di serratura tradizionale o altri sistemi di chiusura personalizzata.

Come fare

  • La richiesta di rilascio dell'autorizzazione all'esercizio delle attività ricettive extra - alberghiere deve essere presentata per via telematica allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune di Castelforte. Con la ricezione della ricevuta di consegna l’imprenditore può avviare immediatamente l’attività e l’ufficio avrà 60 giorni di tempo per effettuare i controlli circa la veridicità di quanto dichiarato e consegnato.

    Occorre presentare:
    - il modulo compilato di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (ogni attività presenterà una modulistica specifica con denominazione e l'ubicazione della struttura
    - le generalità del soggetto titolare o gestore della struttura
    - l'indicazione della capacità ricettiva della struttura, dei servizi complementari offerti, del periodo di apertura stagionale o annuale, nonché, dell'eventuale servizio di somministrazione di alimenti e bevande
    - la classificazione attribuita, e la specificazione aggiuntiva eventualmente riconosciuta
    - Al modulo di segnalazione certificata di inizio attività occorre allegare i seguenti documenti:
    - copia del proprio documento di riconoscimento
    - dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 che attesti l'assenza delle cause ostative (disposizioni contro la mafia), il possesso, ove necessario, degli ulteriori requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di somministrazione di alimenti e bevande
    - atto costitutivo e lo statuto, esclusivamente per le società
    a) l'atto costitutivo con l'indicazione della finalità dell'ente, dell'associazione senza scopo di lucro e dell'ente religioso
    b) lo statuto se esistente
    - planimetria dell'unità immobiliare o della porzione immobiliare o dell'immobile, sottoscritta da un tecnico iscritto all'albo o ordine professionale, in scala 1:50 o 1:100, con indicazione della superficie utile dei vani, dell'altezza, del numero dei posti letto, dei vani comuni, dei vani riservati e delle eventuali aree di pertinenza
    - la documentazione idonea a dimostrare la disponibilità dei locali, quali, in particolare, gli atti di compravendita, locazione, usufrutto, incluso l'atto di assenso a firma autentica del proprietario o usufruttuario se diverso dal dichiarante in caso di comproprietà, l'atto di assenso di tutti i comproprietari
    - la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, sottoscritta dal richiedente attestante la conformità urbanistica e catastale alla normativa vigente
    - pareri e/o nullaosta richiesti dalla normativa vigente in materia di igiene, sicurezza, prevenzione incendi ed accessibilità dei luoghi ovvero, in alternativa, copia delle richiesta delle medesime certificazioni
    - la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che specifichi e circoscriva, per le sole case per ferie, la categoria e/o il tipo di utenti cui è rivolta l'ospitalità
    - ricevute comprovanti il pagamento di eventuali imposte qualora dovute
    - regolamento interno della struttura se previsto, da esporre all'ingresso dell'immobile ed in ogni camera
    - documento attestante la stipula di apposita assicurazione per i rischi di responsabilità civile nei confronti dei clienti.

    Per i bed and breakfast, nel caso di immobile facente parte di un edificio composto da più unità immobiliari, attestazione della comunicazione formale, attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno, all'amministratore dell'assemblea condominiale, dell'attività che si intende avviare In caso di subentro nella titolarità o nella gestione dell'attività ricettiva, qualora non vengano apportate modifiche strutturali e risulti confermata la classificazione precedentemente assegnata, l'autorizzazione è sostituita dalla denuncia di inizio attività.
    Il titolare o il gestore della struttura provvede a comunicare al Comune ogni variazione degli elementi contenuti nell'autorizzazione o contenuti nella denuncia di inizio attività, almeno trenta giorni prima del verificarsi delle variazioni stesse.

    Il titolare o il gestore della struttura è tenuto, altresì, a comunicare al Comune le eventuali modifiche dei periodi di chiusura e i periodi di apertura e chiusura straordinaria in concomitanza di eventi particolari almeno trenta giorni prima del verificarsi degli eventi stessi.
    Il Comune rilascia apposita autorizzazione nei quindici giorni successivi alla data di ricezione della suddetta comunicazione.
    In occasione di particolari eventi non prevedibili è possibile effettuare la comunicazione anche il giorno stesso della chiusura.

In quanto tempo

  • L’attività può essere avviata subito dopo aver ricevuto l’attestazione di consegna della SCIA e dei relativi allegati.

Quanto costa

  • Eventuale contribuzione prevista nel regolamento delle entrate.
    Chiunque faccia funzionare una delle strutture ricettive extra alberghiere sprovviste della autorizzazione, o in maniera difforme da essa, è soggetto alla sanzione amministrativa.
    La sanzione è applicata ad ogni singola violazione accertata.

Validità del documento

  • L’autorizzazione può essere revocata dal Comune, venendo meno anche uno solo dei requisiti per il rilascio o per motivi di pubblica sicurezza.

Modulistica

  • Modulo SCIA affittacamere
    scarica doc scarica doc [70 Kb]
     
  • Modulo SCIA bed & breakfast
    scarica doc scarica doc [48 Kb]
     
  • Modulo SCIA casa ferie
    scarica doc scarica doc [69 Kb]
     
  • Modulo SCIA casa vacanze imprenditoriale
    scarica doc scarica doc [75 Kb]
     
  • Modulo SCIA casa vacanze non imprenditoriale
    scarica doc scarica doc [62 Kb]
     

Servizio on-line


Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Castelforte

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Piazza Municipio, 1 - 04021 Castelforte (LT)
Tel. 0771-60791 - Fax 0771-609639
C.F.: 81003810595

Realizzazione ImpresaInsieme S.r.l. Proxime S.r.l.