Esplora contenuti correlati

IMU

Cos’è

L’IMU è l’Imposta Municipale Unica, o propria, istituita con Decreto Legge 201/2011.

L’imposta municipale propria è dovuta in caso di possesso di immobili di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, ivi comprese l’abitazione principale delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e le pertinenze della stessa.

L’imposta e’ dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota ed ai mesi dell’anno nei quali si e’ protratto il possesso; a tal fine il mese durante il quale il possesso si e’ protratto per almeno quindici giorni e’ computato per intero. A ciascuno degli anni solari corrisponde un’autonoma obbligazione tributaria.

Cos’è utile sapere

I soggetti passivi effettuano il versamento dell’imposta dovuta al comune per l’anno in corso in due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell’imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno.

A tal proposito si ricorda che entro il 18 giugno 2018 dovrà essere effettuato il versamento della prima rata (acconto) dell’Imposta Municipale Unica (IMU) dovuta per l’anno d’imposta 2018.

Le aliquote da utilizzare ai fini della determinazione dell’imposta sono le seguenti:

ALIQUOTA DI BASE (ALTRI FABBRICATI COMPRESO AREE FABBRICABILI) 1,05%

ALIQUOTA ABITAZIONE PRINCIPALE 0,45%

ALIQUOTA FABBRICATI RURALI AD USO STRUMENTALE 0,2 %

ALIQUOTA ABITAZIONE PROPRIETARI ISCRITTI AIRE PRIVI DI PENSIONE ESTERA 0,6%

approvate con deliberazione della Giunta Comunale n. 35 del 27/02/2018.

Si comunica che, anche per il 2018, e’ confermata l’esenzione dal pagamento della TASI connessa con le abitazioni principali e le relative pertinenze.

La TASI non è altresì dovuta per le altre tipologie di immobili, soggette invece all’IMU.

Si comunica inoltre che e’ confermata anche per il 2018, la normativa riguardo le abitazioni concesse in comodato d’uso gratuito da genitori a figli o viceversa (linea retta di 1° grado), prevedendo le seguenti condizioni applicative:

a) che gli immobili ad uso abitativo posseduti in Italia dal comodante siano massimo due: la propria abitazione principale e quella concessa in comodato d’uso, (il possesso, anche in percentuale, di un terzo immobile classificato come abitativo, preclude la concessione in comodato);

b) che entrambi gli immobili siano situati nel comune di residenza del comodante (Castelforte);

c) che il comodatario utilizzi l’immobile come la propria abitazione principale;

d) che l’immobile non risulti classificato nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;

e) che il contratto sia registrato.

In tal caso la base imponibile ai fini del calcolo dovrà preventivamente essere ridotta del 50%.

Per i proprietari di immobili nel territorio del Comune di Castelforte residenti all’estero iscritti all’AIRE pensionati il cui immobile risulti non locato, lo stesso è assimilato ad abitazione principale, quindi esente purché non risulti classificato nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Per gli iscritti all’AIRE e non pensionati resta confermata l’aliquota agevolata del 0,6%.

Si ricorda infine che, anche per il 2018, e’ confermata l’esenzione dal pagamento dell’IMU relativa a tutti i terreni agricoli ubicati sul territorio comunale.

Il regolamento IUC non ha subito modifiche, per cui risulta tuttora vigente quello approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 09/09/2014.

Come fare

Cliccando sul link “Calcolo IMU 2018” riportato in fondo alla pagina è possibile calcolare l’imposta e stampare il relativi modelli modello F24 per il versamento.

Per approfondimenti si rimanda ai sottoelencati allegati.